Roberto Chessa

live your dream

Quali sono i tuoi valori?

17 commenti

“la forza del pensiero gurdjieffiano”

Sono passati tantissimi anni, ma ancora lo ricordo come se fosse oggi.

Taormina, fine dicembre. Convention annuale dell’azienda per la quale lavoravo.

Location fantastica, albergo extra lusso. Oltre 300 persone che aspettavano l’ingresso del Direttore Commerciale.

Fu la prima volta che sentì questo racconto.

Il Dott.Rossi (nome di fantasia per via della privacy) entrò silenzioso sul palco dell’auditorium. Salutò, ci guardò e dopo ancora silenzio. Sulla parete della sala il suo faccione serioso “bucava lo schermo”.

Tutti pronti ad una tirata di orecchie, invece no, ci stupì tutti.

Tirò fuori da sotto il leggio un grosso recipiente che conteneva più di 4 litri. Lo posò delicatamente davanti a sé. Subito dopo tirò fuori una decina di sassi, grandi come una mela. Li pose con delicatezza, uno per uno, dentro al grande vaso. Quando fu pieno, di modo che non fosse più possibile aggiungerci un altro sasso, ci domandò :

“Secondo voi, il vaso è pieno?”.

Come pecorelle tutti rispondemmo: “bhè,Sì”.

Rossi, attese qualche secondo e poi domando’: “Veramente?”.

Allora si piegò e tirò fuori da sotto il tavolo un recipiente contenente della ghiaia . La versò nel vaso , andando ad infilarsi fra un sasso e l’altro,  fino al fondo.

Sollevò lo sguardo, e ci domandò ancora : “E adesso è pieno?”.

Questa volta non ci freghi. Pensammo dubbiosi. Un collega si alzò e a gran voce esclamò: “Probabilmente, no”.

“Bene” – riprese il dott. Si piegò di nuovo, e questa volta tirò fuori un sacchetto di sabbia. Con precisione, versò la sabbia nel vaso. La sabbia riempì gli interstizi lasciati liberi dai sassi e dalla ghiaia.

Ancora una volta, domandò: “E adesso, il vaso è pieno?”.

E questa volta, senza esitare, tutti gli allievi risposero in coro: “No!”.

“Ottimo!”, disse il malefico Direttore.  E come tutti ci aspettavamo, prese la caraffa d’acqua che era sulla cattedra e riempì il vaso fino al bordo. Sollevando lo sguardo verso il gruppo, l domandò: “Qual è la grande verità che ci dimostra questo esperimento?”.

Il più audace dei presenti, riflettendo sul soggetto della materia, disse con orgoglio: “Questo dimostra che, anche quando crediamo che la nostra agenda sia completamente piena, se lo si vuole veramente, possiamo aggiungere ancora qualche appuntamento, qualcosa da fare”.

“No – rispose il Dott. – non si tratta di questo. La grande verità che ci dimostra quest’esperienza è la seguente: Se noi non infiliamo i sassi per primi nel vaso, non potremo mai farceli stare tutti, dopo!”.

Ci fu un profondo silenzio. Ciascuno prendeva coscienza dell’evidenza di questa verità.

Rossi allora, aggiunse: “Quali sono i grandi sassi nella vostra vita? La salute? La Famiglia? Gli amici? Realizzare i vostri sogni? Fare quello che vi piace? Imparare? Difendere una causa? Riposarsi? Dare ad ogni cosa il suo tempo? O qualsiasi altra cosa.

Quello che dovete imparare, è l’importanza di mettere i GROSSI SASSI in primo piano, nella vostra vita, altimenti rischierete di fallire! Se darete la precedenza alle cose urgenti ma non importanti (la ghiaia, la sabbia e l’acqua) riempirete la vita di stupidaggini e non avrete abbastanza tempo da consacrare agli elementi importanti della vostra vita. Allora, non dimenticate di porvi la domanda: Quali sono le grosse pietre della mia vita? E in seguito, mettetele nel vaso!”.

……..

Personalmente, adoro questa storiella tipica del pensiero Gurdjieffiano. Mi è rimasta bene impressa nella mente e mi ha aiutato a riflettere nei momenti di confusione.

Significa che fra i vari impegni è opportuno programmare per prime le cose importanti anziché lasciarle per ultime. Abbiamo tutti l’abitudine di riempire l’agenda con le urgenze. Il nostro vaso con acqua,sabbia e ghiaia.

Appuntamenti di lavoro, appuntamento  con il medico, dentista,ginecologo. Accompagnare i figli a scuola di calcio, a danza, basket, scherma. Pagare le bollette, andare in  banca, alla posta. Fare la spesa, organizzare una festa di compleanno, preparare una cenetta romantica o per tanti amici. Pulire la casa, lavare, stirare, tagliare il prato.

Pagare l’assicurazione, fare il tagliando alla macchina, rispondere ad una mail importante, frequentare quel corso di aggiornamento che ci interessava tanto, finire gli studi …..

Cosa significa mettere prima i sassi grossi nel vaso?

Scrivere tutto in agenda è difficile. Ma la domanda è : quanta ghiaia,sabbia ed acqua ci sono nel nostro vaso?

Famiglia, sport,lavoro,hobby,amore. A cosa dare precedenza ? rispetto a cosa ? come trovare il giusto equilibrio?

To be continued ……..

Annunci

Autore: Roberto Chessa

https://rchessa.wordpress.com/

17 thoughts on “Quali sono i tuoi valori?

  1. Ci sono cascata…..conoscevo questo racconto ma nella versione che immaginavano tutti, invece così è molto più bella: saper dare le giuste priorità alla vita come condizione per vivere con serenità, in qualunque campo, nel bene e nel male!

  2. Bel post! La stessa storia la raccontò il mio insegnante di filosofia del liceo, ma noi fanciullini non abbiamo risposto “Anche se abbiamo il diario pieno di compiti possiamo comunque trovare il tempo per portarci avanti con lo studio” e il prof non ha fornito spiegazioni aggiuntive (era uno che buttava lì una lezione di vita punto e basta). Credo che a quel tempo l’abbiamo captato in tre o quattro ciò che ci voleva realmente far capire. É fondamentale e tremendamente difficile riuscire a mettere davanti a tutto il resto ciò che è veramente importante, sempre pensando che non sei solo al mondo e quindi è una cosa che va molto oltre all’appagamento personale.

    • al liceo probabilmente anche io avrei riso senza soffermarmi. Molto dipende da come la si racconta e come la si ascolta. Quello che è importante per noi deve essere parte integrante di quello che ci ruota attorno. Qualcuno diceva c’est la vie …grazie per il tuo commento

  3. Grazie Roberto, mi piace molto questa storia e credo sia giusto effettivamente…..
    sono d’accordo con te: il resto si modifica con il passare degli anni….per fortuna 🙂
    Lucia

  4. Molto difficile decidere ciò che nella tua vita sino i sassi e così via! spesso, penso di averlo capito, ma poi mi rendo conto che avrei potuto o che dovevo per forza dar priorità a ciò che mi pareva solo acqua…

    Forse, un giorno riuscirò a capirlo!

  5. e se non fosse difficile? probabilmente chi ha le idee troppo chiare sarà portato a ricredersi un giorno

  6. vero roberto……….
    sono le cose difficili che richiedono sacrifici…..
    benvenuto nel nostro mondo .

    marcello e laura

  7. Difficile… molto difficile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...