Roberto Chessa

live your dream

Noi Italiani, analfabeti digitali

6 commenti

In Italia il 50% degli adulti non possiede un computer, né sa usare le mail.

In questo blog, abbiamo già parlato dell’ ”emarginazione sociale” dovuta alla mancanza di competenze tecnologiche, ormai ritenute fondamentali nel mercato del lavoro.

Soprattutto nella fascia d’età che va dai 45 ai 55 anni. Una generazione già adulta nel momento del boom digitale e pertanto restia al cambiamento.

Sembra di essere proiettati indietro nell’immediato dopo guerra, quando buona parte della popolazione non era in grado di leggere e scrivere.

Oggi , nell’era digitale, possiamo affermare la stessa cosa. Noi Italiani siamo un popolo di “analfabeti digitali”.

Questo è quanto emerge dagli studi Ocse.

A questo punto mi pare doveroso fare una distinzione tra ciò ch viene definito analfabetismo informatico e analfabetismo digitale.

Nel primo caso parliamo di analfabeti totali. Oltre alla totale incapacità nell’utilizzo delle nuove tecnologie, smartphone, tablet, pc, c’è una repulsione all’utilizzo dei medesimi. Nel secondo caso invece parliamo di analfabeti funzionali, ovvero con grosse difficoltà anche nelle operazioni più semplici, come la lettura della posta, interagire con le Pubbliche amministrazioni, utilizzare un Home Banking.

Dalla rilevazione Istat, si evince che le principali ragioni per il non utilizzo siano :

  • Mancanza di competenze digitali (38%)
  • Mancanza di interesse (27%)
  • I costi (21%)
  • Fattori come privacy e sicurezza (n.p.)

Ma quali sono le cause ?

Al primo posto metterei :

  • La mancanza di cultura di base

(le nostre scuole rispetto al resto d’Europa, sono ancora indietro anni luce)

  • La mancanza di strutture

(mi riferisco ad esempio all’utilizzo della banda larga, o infrastrutture fruibili gratuitamente dalla popolazione)

  • Il “menefreghismo”

(non lo utilizzo perché non mi serve , oppure non ho l’home banking in quanto faccio pochi movimenti e se devo fare un bonifico o pagare una bolletta preferisco farmi 3 ore di fila)

Poi ci lamentiamo se restiamo fanalino di coda in tutto.

Sembra assurdo ma come abbiamo già visto, lo stesso atteggiamento lo troviamo anche all’interno delle aziende.Ricordiamoci che l’83% delle aziende fallite nel 2013 non era presente in rete.

Forse è giunto il momento di cambiare atteggiamento !

 

 

Annunci

Autore: Roberto Chessa

https://rchessa.wordpress.com/

6 thoughts on “Noi Italiani, analfabeti digitali

  1. Mai dimenticherò, quando insegnavo nei laboratori di alfabetizzazione informatica della facoltà di Lettere e Filosofia, lo studente che mi disse “Che me ne importa di imparare a usare Office, io voglio fare il professore di storia”. Un ragazzo di 20 anni.

  2. Aggiunti un altro motivo (secondo me) il costo della tecnologia in italia.

    Mi domando perchè in america, in giappone (cito questi perche con la Corea son i posti dove la differenza è più alta, ma ve ne sono anche altri con disparità meno evidenti) a parità di “oggetto tecnologico” ci sia una voragine di differenza prezzo a nostro sfavore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...